CHI È FABIO FRANZONI?

 

Sono un imprenditore che da 15 anni lavora come tecnico-installatore nel settore termoidraulico, da 5 anni mi sono appassionato e specializzato nel campo delle pompe di calore di ultima generazione ed in particolare sugli impianti di riscaldamento NO-GAS.

 

Si hai capito bene, sono un idraulico cresciuto fra cantiere e corsi di formazione, la mia esperienza diretta deriva da situazioni vissute personalmente in cantiere, da fregature prese in prima persona e da problemi riscontrati sul campo, mettendoci sempre la faccia e giocandomi ogni volta la reputazione.

 

Infatti i risultati che ho ottenuto sino ad oggi sono il frutto di pesanti fallimenti professionali e dolorose legnate prese sui denti… e nonostante ci mettessi molto impegno, il mondo malato e deviato dell’idraulica non mi permetteva di crescere serenamente e professionalmente secondo quelle che erano le mie intenzioni… ma non ho mai mollato.

 

Non sono figlio di imprenditori, sono figlio di operai, non ho mai potuto godere dell’esperienza imprenditoriale di un parente stretto che mi potesse guidare e aiutare nelle decisioni, ammorbidire gli errori e trasmettermi dei trucchi o segreti d’impresa.

La mia storia lavorativa comincia nel 2001, quando appena diplomato come tecnico dei sistemi energetici presso un istituto tecnico della Bergamasca, sono andato a bottega da una ditta di Milano che si occupava di impianti idraulici e condizionamento.

 

Questa Ditta aveva l’appalto della manutenzione della “Mediobanca”, la più importante banca commerciale d’Italia situata in centro a Milano, a cui serviva affiancare un garzone (un aiutante) all’artigiano esperto che era in pianta stabile lì presso la banca tutti i gironi. Si, quella banca era talmente grande che raggruppava 5 numeri civici di due palazzine, aveva impianti da gestire e mantenere costantemente oltre al fatto che era indispensabile il pronto intervento per qualsiasi emergenza, quindi la presenza costante di una squadra di idraulici era indispensabile.

 

Quell’esperienza mi ha permesso di toccare con mano impianti molto grandi e di svariate tipologie, c’erano caldaie enormi, sistemi per la climatizzazione estiva mai visti sui libri di scuola e una realtà quotidiana costellata di piccoli e grossi problemi da risolvere.

 

Una delle mie più grosse fortune (che solo ora capisco e apprezzo fino in fondo) è stata avere come mentore un artigiano bravissimo con 40 anni di esperienza nell’idraulica, grazie al fatto che passavo 9 ore al giorno con questa persona, ho involontariamente assorbito come una spugna tantissime nozioni ed esperienze che ritrovo attualissime ancora oggi.

 

Non puoi immaginare come sia costruttivo e appagante cercare di risolvere problemi su impianti già realizzati, ciò ti permette di capirne i funzionamenti reali, nonché di scovare e capire tutte le pecche o malfunzionamenti, di gestione e di progettazione, inoltre ha generato in me una grossa passione per l’idraulica, che è più che mai viva tutt’oggi.

 

Passati 5 anni la manutenzione mi andava stretta, sentivo di essere cresciuto e volevo cimentarmi nell’impiantistica residenziale, nei 3 anni successivi ho lavorato per un paio di aziende d’installazione dove sono diventato da subito caposquadra nelle installazioni di condizionatori, ho acquisito dimestichezza con qualche impianto elettrico e soprattutto in installazioni residenziali di caldaie, impianti riscaldamento a pavimento, pannelli solari termici e svariate altre componenti idrauliche.

 

Nel 2009 si è presentata l’opportunità che aspettavo da tempo, aprire una ditta tutta mia insieme ad un socio per cominciare a realizzare impianti tecnologici, e nonostante il periodo di piena crisi economica e finanziaria post 2008, mi sono buttato con tantissimo entusiasmo in questa nuova avventura.

 

All’inizio le cose non erano semplici, avevo contro tutti, la famiglia, la fidanzata e gli amici… gran parte delle persone che orbitavano nel settore idraulico mi scoraggiavano e mi mettevano in guardia, la situazione economica partendo da zero non era rosea, ma, grazie a qualche conoscenza con imprese costruttrici e qualche aggancio del mio socio da anni inserito nel settore commerciale idraulico, siamo riusciti a ingranare.

 

Ripensandoci adesso è stata una delle più belle avventure professionali della mia vita e allo stesso tempo uno dei più grossi fallimenti economici.

 

Durante i 4 anni di attività ho avuto modo di realizzare 2 palazzine da 100 appartamenti l’una, con tutti gli impianti realizzati e portati a termine con successo, 12 appartamenti ristrutturati per conto di imprese edili della brianza, 6 ville con impianti tecnologici tradizionali, la prima palazzina no gas a Monza nel 2012 costituita da 7 appartamenti tutti alimentati da pompa di calore (purtroppo con una Rotex HPSU 16kw di cui ora me ne pento amaramente visti i grossi disagi che ha causato subito dopo 3 anni) un intero asilo in centro a Bergamo di 200mq con pompa di calore geotermica (che sconsiglio fortemente) per conto dell’amministrazione pubblica e altri piccoli interventi nella provincia di Milano.

 

Purtroppo lo scotto di essersi affidati a costruttori e all’amministrazione pubblica mi è costato molto caro.

 

Per colpa del patto di stabilità emanato dallo stato (legge che ha bloccato i pagamenti pubblici per 24 mesi) e per colpa dei costruttori edili per cui lavoravo, che non vendendo appartamenti faticavano a pagare (ho realizzato quasi 200 appartamenti e villette), sono stato costretto a chiudere nel giro di 16 mesi, con le banche che non volevano sentire ragioni.

 

Tradotto in termini pratici 4 anni di lavoro buttati via e debiti da risanare.

 

Oggi mi piace raccontare quest’avventura guardando il lato positivo della faccenda, perché se pur vero che a livello economico ed emotivo è stato un colpo durissimo e rimettersi in pista ricominciando da capo non è stato per niente facile, devo riconoscere che gran parte dell’autorità tecnica e professionale, dell’esperienza e della sicurezza in me stesso è stata acquisita proprio grazie a queste disavventure. Vivere in prima persona le problematiche del settore mi ha permesso di analizzare e capire in modo molto approfondito le lacune del sistema, ma soprattutto se oggi sono diventato la persona che sono, lo devo soprattutto a quelle lezioni professionali e di vita.

 

Da questa esperienza ho capito che la via dei grossi impianti generalizzati e gestiti da costruttori che badano solo ai propri interessi non poteva essere il futuro, ma soprattutto che la clientela aveva bisogno di un servizio tanto rivoluzionario quanto su misura per il nuovo mercato del risparmio energetico che stava nascendo.

 

Contemporaneamente grazie all’incontro dell’Ing Andrea Tozzato (mio attuale socio e co-fondatore del progetto Azzeralebollette e FormicaFurba), sono entrato a conoscenza del mondo delle termopompe professionali europee e degli impianti fotovoltaici integrati di ultima generazione.

 

Questo ha causato una svolta professionale e strutturale importantissima, perché finalmente avevo trovato un collaboratore all’altezza della situazione ma soprattutto ben radicato nel settore dove ero più scoperto, ovvero la parte tecnologica elettronica e fotovoltaica, di contro io compensavo a pieno alcune sue lacune nel settore pratico e installativo della termoidraulica.

 

Da subito ci siamo resi conto che il mercato stava dirottando i clienti verso condizionatori modificati giapponesi scadenti spacciandoli per pompe di calore, contornati da un pessimo servizio vendita, installazione e post vendita  (purtroppo in passato ci ero cascato in pieno anch’io fidandomi di Rotex e Viessmann).

 

Grazie a questo incontro nel 2014 abbiamo fondato una Struttura aziendale focalizzata alla sola realizzazione di termopompe professionali Europee per residenziale in abbinamento a fotovoltaico di ultima generazione.

 

All’inizio non è stato facile trasmettere il messaggio degli impianti completamente NO GAS, in quanto era una voce controcorrente e in contrapposizione al mercato esistente, e si opponeva alle principali multinazionali cinesi e giapponesi della climatizzazione. Ma, la nostra passione smisurata, la supremazia tecnica e la dedizione totale al lavoro e ai clienti ci ha permesso di affermarci come piccola autorità nel settore in soli 3 anni.

 

Ad oggi abbiamo servito quasi 200 clienti possessori di ville e case indipendenti, in tutto il nord Italia e anche nella svizzera italiana.

 

Siamo riusciti a raddoppiare costantemente il fatturato dal primo anno iniziando da 500.000€ di fatturato del 2014 passando per 1.000.000€ nel 2015  e stiamo chiudendo a 2.000.000€ il 2016 con 100% clienti soddisfatti senza nessun insoluto.

 

Non sembrerà vero ma sul finire del 2016 abbiamo dovuto chiudere le iscrizioni alla lista delle richieste per sovrabbondanza di clienti, siamo ancora una struttura piccola con pochi dipendenti e la nostra politica aziendale votata al servizio di altissimo livello ci impedisce di acquisire più lavoro di quello che possiamo smaltire in modo serio e professionale.

 

Oggi siamo fieri del lavoro svolto e dei sacrifici passati, gli sforzi dei primi anni e la determinazione a non mollare mai, hanno ripagato pienamente l’impegno e la dedizione al lavoro di tutte le persone che all’interno dello staff di Azzeralebollette e FormicaFurba  hanno creduto in questo progetto.

 

Il progetto Formica Furba nasce per risolvere definitivamente tutti i problemi presenti oggi nel settore impiantistico e specificatamente nella nicchia degli impianti NO GAS costituiti da Pompe di calore in abbinamento a fotovoltaico.

 

Ti posso garantire che risolvere questi problemi non è stato per niente facile.

 

La strada è tutt’ora in salita e molti sacrifici saranno ancora necessari, ma fortunatamente la piccola ghianda del progetto Formica Furba, piantata nel terreno arido 3 anni fa, è già diventata un rigoglioso albero.

 

Il nostro impegno sarà proteggere con tutte le nostre forze questo sano e rivoluzionario progetto, sino a quando questo albero non sarà diventato una possente quercia..

 

Questo risultato è frutto di una filosofia di lavoro e di vita completamente innovativa e rivoluzionaria; da subito ci siamo resi conto che non potevamo guarire un malato terminale ( sistema installativo, vendita e post vendita italiano) con le medicine tradizionali, per questo abbiamo stravolto e ricombinato tutte le regole del gioco per trovare e garantire la giusta soluzione a tutti i problemi, nel miglior interesse dei nostri clienti.

 

La prima svolta è stata decidere di focalizzarsi su un unico obbiettivo e un’unica soluzione impiantistica; ci siamo accorti che non potevamo essere bravi ed efficienti a far tutto, non si potevano assecondare tutte le richieste dei clienti, tutte le mode del mercato, quello che serviva era trovare la soluzione più semplice e al tempo stesso innovativa alla quale dedicare anima e corpo.

 

Presa questa decisione, abbiamo cominciato ad analizzare tutte le varie tecnologie presenti sul mercato e, sull’esperienza di 15 anni di installazioni termoidrauliche e fotovoltaiche, abbiamo selezionato come vincente l’integrazione e la perfetta interazione di fotovoltaico di ultima generazione in abbinamento a termopompa professionale, il tutto garantito.

 

Questa decisione e questa scelta tecnica è frutto di prove reali effettuate sul campo, in 15 anni abbiamo installato e monitorato tutte le tipologie impiantistiche presenti oggi sul mercato, conosciamo perfettamente le caldaie a condensazione, i pannelli solari termici, le caldaie e stufe a pellet, il termodinamico, sistemi ibridi e anche i climatizzatori orientali inverter spacciati per pompe di calore.

 

Dopo anni di prove e verifiche ci siamo resi conto che nessuna di queste tecnologie poteva essere performante e duratura, quindi ci siamo dedicati a cercare qualcosa che fosse energeticamente sostenibile ed economicamente favorevole al mercato italiano.

 

La soluzione definitiva al problema impiantistico residenziale è unicamente realizzare impianti no gas completamente autonomi dal contatore del gas, attraverso l’abbinamento di termopompa professionale ad alto rendimento con abbinamento di fotovoltaico di ultima generazione predisposto per batterie.

 

Grazie a questa tecnologia selezionata in Europa e messa a punto in modo  professionale in anni di messe a punto su impianti italiani, siamo riusciti a realizzare l’impianto NO GAS perfetto e garantito.

 

Ma prima di svelarti tecnicamente e con dati alla mano come possiamo trasformare o realizzare senza gas, gasolio e altri combustibili, qualsiasi tipo di abitazione indipendente (casa esistente senza cappotto e senza serramenti performanti riscaldata con caloriferi, ristrutturazione o nuova costruzione), azzerando  le bollette per sempre, permettimi di illustrarti i 10 punti che rendono unico e irripetibile il sistema Formica Furba:

 

1) Il progetto Formica Furba è costituito, sostenuto e finanziato da una cordata di imprenditori Italiani e Svizzeri.

Questo l’ho elencato come primo punto perché è il pilastro fondante della  garanzia e della solidità del progetto.

 

Devi sapere che le aziende di vendita e installazione italiane sono tutte costituite da commerciali d’assalto, artigiani, idraulici ed elettricisti o da vecchi idraulici arricchiti che ormai stanno sprofondando nella crisi economica.

 

Il più grosso problema che ti potresti ritrovare affidando l’installazione dell’impianto di casa tua a questi generalisti disorganizzati e disorientati, è il fallimento dell’azienda che ti ha installato o venduto l’impianto.

 

Questo accade quotidianamente, la maggior parte degli artigiani che opera nel settore idraulico ed elettrico non sa se fra 12 mesi sarà ancora aperto, vive alla giornata sperando di sbarcare il lunario a fine mese.

 

Con Formica Furba abbiamo pianificato investimenti a fondo perduto specificatamente per il mercato italiano, per un valore di 2 milioni di Euro in 5 anni. Crediamo fortemente nel progetto e crediamo che per rivoluzionare alla radice il settore impiantistico no gas garantito servano 5 anni almeno di investimenti e duro lavoro.

 

Tutto questo non può essere fatto serenamente se ogni fine mese la tua prima preoccupazione non è quella di servire in modo impeccabile e professionale i tuoi clienti, ma è quella di far quadrare i conti con gli stipendi, pagare i materiali e  adempiere agli obblighi tributari.

 

2) Selezione dei migliori prodotti sul mercato mondiale.

Riuscire a garantire il riscaldamento con un impianto no gas su ville completamente prive di cappotto, serramenti di ultima generazione e per di più con radiatori in alta temperatura, non poteva essere fatto con apparecchiature mediocri: questo si ottiene con una selezione dei migliori prodotti a livello mondiale.

 

Considera che mediamente le aziende venditrici, i termotecnici  e gli installatori non scelgono secondo il criterio del miglior prodotto e servizio per il cliente, ma basano la scelta  su quello che fa guadagnare di più loro.

 

L’astuzia poi si nasconde nel proporre marche blasonate e conosciute (come ad esempio grossi e famosi produttori di caldaie e climatizzatori), in modo da non essere poi contestati nella scelta di una marca sconosciuta.

 

I componenti vitali e fondamentali dell’impianto NO GAS Formica Furba sono costituiti per la parte termica e pompa di calore con prodotti europei professionali (Austria, Svizzera, Germania e Slovenia), per i pannelli solari fotovoltaici con uno dei migliori prodotti made in italy e per la tecnologia inverter-ottimizzatori e gestione dell’energia elettrica con tecnologia e prodotto Israeliano e Americano.

 

3) Direttamente dal Produttore al Consumatore

Questo è un altro aspetto molto importante che rende possibile e accessibile una tecnologia costosissima di derivazione europea abbinata ad un servizio senza precedenti per la prima volta a disposizione del cliente Italiano.

 

Oggi il mercato italiano è costituito da tutta una serie di parassiti succhia soldi che prosciugano tutte le risorse economiche durante il passaggio di mano delle merci e dei servizi. Questo meccanismo danneggia come al solito il cliente finale che si ritrova a pagare un prodotto e servizio di bassa qualità ad un prezzo altissimo e non congruo alle aspettative.

Mediamente sui prodotti idraulici ci mangiano 5 figure prima che il prodotto passi dalla fabbrica alla casa del cliente. Per esempio una pompa di calore di derivazione orientale che vale 700€,  passa dalla fabbrica all’importatore italiano o agenzia di distribuzione, che la rivende ai grossisti idraulici, che a loro volta la rivendono attraverso degli agenti di vendita agli installatori o aziende venditrici, che a loro volta vendono il prodotto al cliente finale per mezzo di un venditore o direttamente mettendoci guadagno sulla vendita dell’installatore o del termotecnico… Arrivando anche a cifre vicine a 15.000€.

 

In questi passaggi vengono prosciugate tutte le risorse economiche che permetterebbero di realizzare dei lavori professionali, con le giuste tempistiche e con le giuste condizioni per realizzare un lavoro professionale con prodotti qualitativi.

 

Formica Furba ha eliminato completamente questo circuito perverso creando una partnership direttamente con i produttori, in questo modo si interpone un solo passaggio tra la fabbrica e il cliente, garantendo un interlocutore unico che si assume tutta la responsabilità del servizio.

Inoltre in questo modo si riescono a ottenere servizi e installazioni di altissimo livello abbinati a  prezzi competitivi sui componenti. (Normalmente le termopompe europee sarebbero troppo costose per il potere d’acquisto italiano, sono macchine sviluppate e concepite con il potere d’acquisto nord europeo nel quale spendere 15.000€ solo per la macchina è la normalità)

 

4) Le fabbriche seguono direttamente il progetto Formica Furba

 

Grazie al fatto che abbiamo selezionato i migliori prodotti tecnologici sul mercato mondiale, abbiamo contattato direttamente le fabbriche produttrici.

 

Questo ci ha permesso, grazie alla credibilità del progetto, di ottenere un servizio preferenziale sulla fornitura, sulla vendita e sul servizio post vendita. Addirittura la fabbrica stessa dei pannelli solari e delle Termopompe è entrata in partecipazione attiva sostenendo strutturalmente e tecnicamente il progetto.

 

Grazie a ciò possiamo contare su una forza tecnica che nessuna azienda installatrice avrebbe mai potuto ottenere; sui pannelli solari abbiamo ricevuto a spese del fornitore una garanzia di 30 anni sulla produzione e sul prodotto. Per quanto riguarda la Termopompa, grazie alla nostra comprovata capacità tecnica di realizzare impianti in modo professionale, abbiamo un’estensione di garanzia kasko di 7 anni (unica in Europa), garantendo così  al cliente finale un servizio unico ed esclusivo.

 

5) Abbiamo risolto il problema VENDITA, INSTALLAZIONE, POST VENDITA  in Italia.

Come ti ho ampiamente spiegato nei primi capitoli, il cancro che affligge il sistema impiantistico italiano è il menefreghismo di chi vende, installa e si occupa del centro assistenza post vendita.

Di base la regola comune di tutti questi operatori di settore è “prendi i soldi e scappa”, e non appena ci sono anche dei piccoli problemi, tutti cominciano a fare scarica barile, l’idraulico butta la colpa a chi ha venduto la pompa di calore o addirittura alla casa madre costruttrice, il centro assistenza butta la colpa all’idraulico che ha installato male, insomma il cliente rimane come un fesso ad aver pagato cifre folli senza che nessuno si faccia carico dei problemi.

 

Un’altra triste verità, diciamolo pure, è che questi operatori (termotecnici, venditori, installatori e manutentori) di base se ne sbattono le palle dei clienti, es: arrivano in ritardo senza avvisare, chiedi un preventivo e non te lo fanno oppure arriva dopo 6 mesi, ogni volta che chiedi qualcosa sembra di aver a che fare con dei LORD, si fanno strapagare solo perché sanno avvitare due filetti e tu hai bisogno in quel momento di risolvere un problema, non vogliono rotture di palle al sabato o alla domenica… Insomma non fanno questo lavoro con passione e professionalità, non sono innamorati dei propri clienti, sono abituati a fare il minimo indispensabile per portare a casa la pagnotta, quello che gli interessa non è “come posso servire al meglio la mia clientela?” ma è non avere rotture di coglioni… Il cliente è visto come una seccatura. All’inizio quando devono prendere il lavoro sono molto disponibili, sorridenti e amorevoli, dopo che hanno preso il 90% dei soldi spariscono magicamente e fanno fatica a risponderti al telefono.

 

Come sai, vengo dal mondo dell’installazione e mi capitava ogni giorno di sentire clienti insoddisfatti e di vedere colleghi comportarsi in questo modo.

 

Non sono un santo, anzi anch’io a volte non riuscivo ad essere impeccabile a causa dello stress derivante dalle circostanze economiche e psicologiche, ma una cosa che non ho mai trascurato ed ho sempre messo in campo era la passione e disponibilità nei confronti dei miei clienti. La più grande risorsa che ogni imprenditore deve proteggere come un tesoro inestimabile è la propria clientela. Deve seguirla e servirla in ogni condizione possibile, al sabato, alla domenica e di notte se serve.

 

Per queste ragioni nel progetto Formica Furba abbiamo rivoluzionato le regole del gioco, da subito ci siamo impegnati per costruire una struttura che risolvesse in modo garantito e professionale tutti questi disservizi, creando finalmente e per la prima volta sul mercato italiano una struttura in grado di occuparsi di tutto il processoVENDITA->PROGETTAZIONE->INSTALLAZIONE->POST VENDITA, e adesso ti spiego come.

 

6) Azienda concepita e strutturata specificatamente per questo progetto.

 

Il motivo per cui oggi in Italia nessuno si prende la briga di risolvere questi problemi è l’enorme sacrificio e carico di responsabilità che bisogna sostenere.

Nessun imprenditore e nessuna azienda mette in campo passione e voglia per risolvere veramente e in modo definitivo le cose, erano tutti abituati a stra-guadagnare senza lavorare tanto e quindi nessuno è disposto a sacrificarsi.

 

Formica Furba per risolvere questo problema ha deciso di creare un’azienda completamente innovativa e specializzata esclusivamente per fare queste lavorazioni e per risolvere tutti i problemi.

In prima battuta abbiamo capito che dovevamo offrire un unico interlocutore al cliente finale, l’ipotesi dello “scarica barile” non si sarebbe mai più dovuta presentare e per rafforzare il servizio abbiamo deciso di estendere le garanzie ben oltre i valori minimi di legge.

 

In seconda battuta abbiamo creato una struttura specializzata solo nella lavorazione e gestione delle ville e case indipendenti no gas professionali, questo ci ha permesso di non farci distrarre dalle molteplici lavorazioni richieste sul mercato (caldaie, condizionatori, ibridi, pellet, termodinamici cacca pupu, pannelli solari termici……).

Individuato il Focus, ci siamo concentrati su quello che sappiamo fare in modo impeccabile, ovvero vendita, progettazione, installazione post vendita delle termopompe professionali in abbinamento a fotovoltaico di ultima generazione, occupandoci di tutta la filiera in modo efficiente, professionale e specializzato.

 

7) I clienti non sono un numero, ma persone con la propria storia e con le proprie esigenze.

 

Il problema dei centri assistenza e delle aziende idrauliche o venditrici è che trattano i propri clienti come un numero (soprattutto quando cominciano a crescere). Questa cosa è fortemente deleteria per gli impianti no gas in pompa di calore con fotovoltaico, perché ogni impianto è una storia unica. Arrivare a realizzare una casa no gas sia sull’esistente che sulla ristrutturazione o nuova costruzione è tutt’altro che una lavorazione in serie.

 

Ogni cliente e ogni impianto hanno una storia particolare, come particolari possono essere le esigenze di utilizzo, di comfort, di consumi e di interazione con le energie rinnovabili fotovoltaiche. Se la lavorazione viene realizzata da diversi attori, queste informazioni e attenzioni vengono perse durante i passaggi di mano.

 

Per es: il venditore vende facendo promesse di risultato e risparmio, l’installatore monta l’impianto nel modo più facile e veloce possibile, il centro assistenza arriva per ultimo quando il venditore e l’installatore sono già scappati e accende alla bene meglio l’impianto secondo dei criteri standard…

 

Il cliente si ritrova con un impianto tecnologico che viene lavorato come in catena di montaggio senza ricevere le giuste attenzioni e impostazioni.

 

Formica Furba risolve questo problema alla radice, perché si occupa di tutte le fasi della lavorazione tenendo ben presente l’obbiettivo da raggiungere. Addirittura il nostro vero lavoro (a differenza di tutti gli altri che si conclude con l’installazione e l’accensione) comincia quando accendiamo l’impianto, la vera maestria è seguire e monitorare l’impianto per tutto il primo inverno, per capire i miglioramenti di programmazione da apportare e monitorare i consumi.

 

Spesso ci capita di migliorare le performance e abbassare i consumi anche del 30% nei primi 4 mesi invernali. Questo è possibile tramite il monitoraggio professionale on line, con questo strumento possiamo migliorare le programmazioni insieme al cliente, vedere come risponde la casa alla tipologia impiantistica e ottenere il miglior risultati.

 

Il vero certificato di collaudo viene rilasciato dopo il primo inverno e tutto quello che viene programmato e impostato è racchiuso nella cartella cliente, che non è assolutamente un numero, ma una persona conosciuta e tutelata dal nostro servizio elitario e professionale.

 

Inoltre mettiamo a disposizione numeri di WhatsApp diretti con i nostri tecnici per qualsiasi tipo di comunicazione, anche al sabato a alla domenica con servizio 24 ore durante tutto il periodo invernale.

8) Abbiamo eliminato il cancro dei venditori

 

Questa è una delle più grosse soddisfazioni che ho fortemente voluto in prima persona.

Troppo spesso mi chiamano famiglie in cerca di aiuto perchè truffate da venditori d’assalto (che ti si presentano in casa dopo la telefonata del call center per prendere appuntamento). Devi sapere che i venditori sono la più grossa piaga che abbiamo nel settore idraulico delle rinnovabili e del fotovoltaico, questa gente viene addestrata a intortare le famiglie e i pensionati, spillando una firma forzata su contratti che sono delle vere e proprie fregature.

“Oltre al danno la beffa”, perché devi sapere che queste figure losche, completamente impreparate tecnicamente (potrebbero vendere caramelle il giorno prima e impianti termo-atomici il giorno dopo, la tecnica è la stessa), si prendono dal 10% al 20% dell’importo dell’impianto. Questo accade perché la maggior parte delle aziende vende fuffa a prezzi molto cari e quindi hanno bisogno di gente caricata a 1000… che va in giro fisicamente mettendoci la faccia ad abbindolare  le persone.

 

Formica Furba ha completamente eliminato questi parassiti perché i prezzi e la descrizione dei servizi sono accessibili e  consultabili sul blog direttamente dai clienti. Normalmente è il cliente che ci chiama e che dimostra interesse per il nostro servizio, quindi in questo modo possiamo fornirgli tutte le informazioni tecnico-economiche prima di incontrare un nostro incaricato.

 

Così il cliente può decidere e valutare con tranquillità e serenità nella privacy di casa propria se richiedere o meno un sopralluogo di un nostro tecnico il quale valuterà se ci sarà la fattibilità o meno di un impianto professionale che darà risultati.

 

Eliminare i venditori ci ha permesso di eliminare un costo che gravava direttamente sulle spalle del cliente senza portare valore aggiunto.

Grazie a questa filosofia aziendale possiamo dedicare risorse economiche preziose alla qualità dei materiali e del servizio, senza incrementare i prezzi.

 

9)  Impianti limitati nel numero e nel territorio

 

Realizzare un impianto professionale no gas garantito non è una passeggiata, richiede tempo dedizione e altissima qualità di progettazione e di installazione.

 

Gli impianti Formica Furba vengono progettati e realizzati con l’obbiettivo di durare 25 anni senza problemi; ogni volta è un vestito su misura e non possono essere venduti e realizzati in batteria, come se fosse una catena di montaggio industriale.

Per questa ragione abbiamo deciso di limitare il numero delle installazioni annuali (al di fuori dei quali bisognerà aspettare l’anno successivo), e di limitare anche l’area geografica di intervento (ad oggi solo il nord italia), la nostra politica aziendale ci vieta di realizzare impianti di bassa qualità o dove non riusciamo a garantire un servizio efficiente, professionale e tempestivo.

 

10) Personale selezionato e garanzie

 

L’ultimo punto ma non meno importante è il personale che compone lo staff Formica Furba e le garanzie altissime che offriamo sui prodotti e sul servizio.

 

Una delle difficoltà maggiori oggi nel settore idraulico in generale è reperire personale che abbia voglia di lavorare, passione e umiltà. Per questo motivo abbiamo preso la maggior parte dei tecnici e ingegneri da zero e li abbiamo formati secondo i nuovi criteri aziendali.

Molto spesso gli operatori di settore già presenti nel panorama idraulico sono deviati e irrimediabilmente compromessi nel vecchio modo di lavorare, che noi combattiamo.

 

In questa specifica mansione abbiamo dedicato anima e corpo nel selezionare personale altamente qualitativo (e ti assicuro che non è stato facile).

Il primo criterio di selezione di tutti i collaboratori interni ed esterni è stato il fattore umano: nel progetto Formica Furba teniamo tantissimo al rapporto con il cliente e per questa ragione abbiamo selezionato solo ragazzi educati, solari e con tanta voglia e passione nel lavoro.

Questi ci ha permesso di creare un clima familiare e positivo, dove tutti sono entusiasti di partecipare e apportare il proprio valore tecnico e umano.

 

Nel progetto Formica Furba non esistono gerarchie, tutti siamo al servizio del cliente nel perseguire lo scopo aziendale di fare la rivoluzione sul mercato impiantistico delle ville no gas.

 

Successivamente ci siamo impegnati a dare delle garanzie fino ad oggi impensabili.

Trattandosi di impianti di altissimo livello, volevamo superare tutte le problematiche e le incognite che normalmente i clienti scoprivano dopo i primi anni di vita degli impianti.

Per questa ragione, in accordo con le case costruttrici, solo per il progetto Formica Furba, siamo riusciti ad estendere la garanzia sulla termopompa professionale a 7 anni con formula Kasko, sia sull’apparecchiatura che su tutti i componenti della centrale termica (unici in Europa). Inoltre, sui pannelli solari made in Italy abbiamo ottenuto garanzia 30 anni sulla produzione e 30 anni sul prodotto (unici al mondo); anche sull’inverter e ottimizzatori del fotovoltaico garantiamo tutto a 25 anni (unici al mondo).

 

Tutto questo gratuito di serie su tutti i nostri sistemi, con formula soddisfatto o rimborsato senza domande e 100% clienti soddisfatti.

Infatti tutti gli impianti realizzati sul territorio italiano (oltre 120 realizzazioni già funzionanti) possono essere visitati gratuitamente secondo le procedure che si trovano nel blog.