LA BUFALA DEL TERMODINAMICO

termodinamico

La questione dei pannelli termodinamici

Ecco cosa troverai in questo articolo:

  • perchè il termodinamico è una bufala
  • non è vero che produce anche di notte
  • non è vero che produce anche con la pioggia
  • non è vero che non consuma energia
  • non è la soluzione per produrre acqua calda gratis

 

5 anni fa improvvisamente è comparso dal nulla questo sistema innovativo ( anche se di innovazione non c’è assolutamente nulla) per fare acqua calda.

Inizialmente è stato spinto e proposto dai grossi gruppi di distribuzione del materiale fotovoltaico, successivamente è stato cavalcato sconsideratamente dai banditi delle vendite d’assalto del risparmio energetico, alcuni dei quali contenevano furbescamente la desinenza Enel (senza autorizzazione dall’Enel).

 

Fai attenzione che ancora oggi lo fanno, perché sanno che la diffidenza si abbassa quando si mostra un finto cartellino Enel, o nel nome dell’azienda si include la parola Enel.

 

Devi sapere che questi venditori del risparmio energetico sono sempre alla ricerca di un prodotto commerciale nuovo da proporre.

Sanno bene di essere carenti dal punto di vista tecnico e quindi puntano tutto sull’effetto commerciale che un nuovo prodotto può avere, senza preoccuparsi troppo della vera efficacia del sistema.

 

Una delle frasi commerciali e più assurde che ho sentito su questa macchina è “il pannello solare che funziona anche di notte!!!”

 

Figurati l’euforia dei commerciali che finalmente potevano andare in giro a proporre e quindi imbrogliare la gente con questa frase commerciale ad effetto.

 

Ultimamente sto vedendo delle televendite (come quelle dei materassi in TV), in cui una bella morettina ti racconta di come puoi risolvere i problemi delle bollette con una piastra da frigorifero…

e adesso ti spiego nel dettaglio perché le cose non stanno proprio come te le raccontano…

 

Prima di entrare nei dettagli tecnici vorrei subito metterti al corrente dei valori economici reali del prodotto, in modo da svelarti subito l’entità delle fregature che in modo truffaldino propongono alle famiglie Italiane, nonché fornirti dei veri valori di risparmio sulle bollette che questa tecnologia può garantire.

 

Un termodinamico con 1 pannello e un serbatoio da 300 litri di acqua con accessori costa 1.700€+iva all’installatore.

Se consideriamo un po’ di materiale idraulico occorrente agli allacciamenti (400€), due giorni di installazione e collaudo (700€) e un piccolo margine di guadagno sulla vendita (350€).

 

Arriviamo ad un totale di 3.150€+iva 10%  quindi al cliente circa 3.500€.

Questo sarebbe quello che dovrebbe costare il solare termodinamico per una famiglia di 4 persone.

 

Il primo problema è che grazie alla furbizia di queste aziende commerciali che ti mandano il venditore incarognito, anzichè fartelo pagare 3.500€ te lo propongono a 7.000€ con rata da finanziamento per 10 anni.

 

Il secondo problema sta nel risparmio in bolletta, perché da quello che ti raccontano sembra che il termodinamico non consuma niente come un solare termico, in realtà ti tengono nascosto che all’interno del sistema è presente un compressore che consuma molta energia elettrica, quindi è vero che diminuirà il consumo di gas, ma di contro vedrai salire notevolmente il consumo di corrente.

 

Un’altra cosa molto importante che non viene detta è che il termodinamico in sostanza è identico ad una pompa di calore come funzionamento e componenti, l’unica cosa di diverso è che anziché avere un’unità esterna con la ventola, ha una piastra di alluminio da frigorifero di bassa qualità.

Questa soluzione è molto interessante nei paesi caldi come sud Italia o in Spagna ma è fortemente penalizzante per zone più fredde e umide, in quanto i pannelli si ricoprono di ghiaccio creando lastre molto pericolose in caso di distacco accidentale.

Adesso entriamo nello specifico del prodotto e vediamo i 3 punti che tecnicamente vengono proposti come innovativi e rivoluzionari.

 

PUNTO 1

 

ELEVATO C.O.P. (coefficiente di performance) FINO A 6.0

Questa è un’affermazione particolarmente falsa perché viene misurata in condizioni estive quando in esterno ci sono 30 gradi con il sole che batte sul tetto, in queste condizioni per assurdo si può riscaldare l’acqua semplicemente lasciando un bidone metallico al sole, senza la necessità di spendere 7.000€.

Con 2 gradi esterni il COP reale non sale al di sopra del 3.0.

 

TERMODINAMICO SOLO ACQUA CALDA E NON IDONEO AL CLIMA FREDDO E UMIDO DELLA PIANURA PADANA.

TERMODINAMICO SOLO ACQUA CALDA E NON IDONEO AL CLIMA FREDDO E UMIDO DELLA PIANURA PADANA

TERMODINAMICO SOLO ACQUA CALDA E NON IDONEO AL CLIMA FREDDO E UMIDO DELLA PIANURA PADANA

A differenza del termodinamico, una pompa di calore professionale per acqua calda può svolgere anche altre due funzioni aggiuntive che il termodinamico non può svolgere e soprattutto non ha fattori antiestetici. 

 

  • La prima è la climatizzazione gratuita (quindi un reale COP oltre i 7) perchè il risultato del riscaldamento dell’acqua attraverso un circuito frigorifero è proprio aria condizionata e deumidificata, che solo nella modalità estiva può essere convogliata all’interno dei locali;

 

  • la seconda è il ricambio d’aria: sfruttando sempre le ventola della pompa di calore ad aria professionale per acqua calda si può fare ricambio d’aria gratuito.

 

Inoltre per un’apparecchiatura di alta qualità come con le termopompe per acqua calda sanitaria, la spesa si aggira comunque sui 3.500€ montata, con in più la possibilità di essere gestite con applicazione da smartphone.

 

TERMOPOMPA PROFESSIONALE PER ACQUA CALDA, RICAMBIO ARIA E CLIMATIZZAZIONE GRATUITA CON UNITÀ MONOBLOCCO DA INTERNO

TERMOPOMPA PROFESSIONALE PER ACQUA CALDA, RICAMBIO ARIA E CLIMATIZZAZIONE GRATUITA CON UNITÀ MONOBLOCCO DA INTERNO

TERMOPOMPA PROFESSIONALE PER ACQUA CALDA, RICAMBIO ARIA E CLIMATIZZAZIONE GRATUITA CON UNITÀ MONOBLOCCO DA INTERNO

PUNTO 2 (il mio preferito)

 

“PRODUCE ANCHE DI NOTTE E CON LA PIOGGIA”

Questa è la trovata che più mi fa ridere e sul quale i commerciali fanno più leva, oggettivamente il problema è sentito perchè nessun pannello solare produce di notte e con la pioggia…  Questo è un problema che non ha ancora risolto nessuno!

Purtroppo in realtà non sono riusciti a risolverlo nemmeno loro, perché il pannello termodinamico non è un pannello solare ma bensì uno scambiatore di calore, né più né meno è uguale a quello che hai montato dietro il frigorifero di casa.

Praticamente ti hanno mentito chiamando uno scambiatore di calore di bassa qualità che scambia temperatura con l’esterno con il termine pannello solare “magico”.

 

Devi sapere che le pompe di calore sfruttano lo stesso principio di scambio termico, con la differenza che nell’unità esterna hanno una ventola che migliora notevolmente le performance di scambio termico senza ricorrere a superfici estese e brutte esteticamente da mettere in facciata o sul tetto.

 

Inoltre, in condizioni di forte freddo e alta umidità, le pompe di calore professionali per acqua calda hanno la possibilità di fare sbrinamento e continuare a scaldare l’acqua.

 

Il termodinamico in condizioni di freddo e umidità crea uno strato di ghiaccio da cui non riesce a liberarsi perché non ha una funzione sbrinamento, in aggiunta si può verificare una situazione pericolosissima per i passanti perché le lastre di ghiaccio generate dai pannelli termodinamici si possono staccare improvvisamente diventando delle vere e proprie ghigliottine.

 

PUNTO 3

“FACILE DA INSTALLARE E DA MANTENERE”

Anche questi due concetti non sono poi così veritieri:

 

Non è assolutamente facile da installare, perché bisogna comunque montare una piastra da frigorifero sul tetto o su una facciata, ti ricordo che oltre ad essere molto ingombrante è anche veramente brutto esteticamente.

La distanza tra il bombolone interno dove è alloggiato il compressore da frigorifero non deve assolutamente superare i 7 metri, molti impianti non rispettano sempre questa regola e possono dare grossi problemi di rendimento e guasti nel tempo.

 

L’altro aspetto importante è la manutenzione o usura e guasti nel tempo.

Purtroppo, come spesso accade in Italia nel settore idraulico, si dà molta importanza alla vendita sconsiderata del prodotto per fare numeri e grossi guadagni e si pensa sempre poco alla formazione degli installatori e dei centri assistenza.

 

Il termodinamico ricade in pieno in questa politica deleteria per il cliente, ma a differenza di sistemi a caldaie o climatizzatori la situazione è aggravata dai numeri delle installazioni molto limitanti.

 

Questa scarsità di realizzazioni compromette negativamente la rete dei centri assistenza abilitati che è praticamente nulla o di bassissima qualità.

 

Inoltre bisogna anche considerare le cause di guasto dovute alle intemperie, ad esempio l’installazione a tetto è fortemente sconsigliata in quanto una semplice e leggerissima piastra da frigorifero mal digerisce la grandine.

 

Abbiamo già avuto modo di sentire clienti disperati per danni da centinaia di euro a causa di una leggera grandinata, perché è sufficiente che un canaletto di passaggio del gas refrigerante si ammacchi che tutto il sistema si blocca.

 

Le riparazioni sono molto costose perché come al solito i pezzi di ricambio vengono venduti a prezzi altissimi e la sostituzione del pannello a tetto comporta molta manodopera e specializzazione.

 

Infine tutte le giunzioni del circuito refrigerante non sono saldate in fabbrica e localizzate all’interno dell’apparecchio (come avviene per le Termopompe ad aria per acqua sanitaria) ma è necessario realizzare giunzioni o saldature da idraulici in cantiere che non garantiranno lunga tenuta e durata nel tempo.

 

CONCLUSIONI:

Ricapitolando abbiamo detto: il sistema viene venduto al doppio del prezzo, nel nord Italia non è performante, è praticamente una spesa inutile.

Nel sud e nelle regioni calde può avere un senso a patto che venga sacrificata l’estetica della facciata e che le condizioni tecniche vengano rispettate, ricordi i 7 metri?

La manutenzione non è cosi scontata ed i danni accidentali potrebbero compromettere per sempre il funzionamento di questo apparato.

Formica Furba® non istalla il termodinamico e lo sconsiglia vivamente nelle zone dove operiamo, non lo riteniamo un sistema efficiente e quindi per noi è bocciato come sistema di efficientamento energetico.

Lascia un commento qui sotto per farci sapere cosa ne pensi…

About The Author

Fabio Franzoni

Dopo 20 anni come tecnico-installatore nel settore termo-idraulico e 10 anni nel campo delle pompe di calore di ultima generazione e degli impianti di riscaldamento NO GAS. Ho fondato prima Azzeralebollette e poi Formica Furba@ per dare una risposta concreta al sogno di una casa energeticamente indipendente.

3 Comments

  • Gianni D'Argento

    Reply Reply Luglio 18, 2018

    Da azienda di progettazione/installazione di Conversano (BA), sottoscrivo a pieno quanto scritto nell’articolo. L’installazione non è per nulla semplice ed i costi non sono giustificati. Abbiamo installato tre impianti “termodinamici” ma siamo ritornati immediatamente sugli scaldacqua in pompa di calore: in 7 anni ne abbiamo installati oltre 100 con la soddisfazione di tutti i clienti.
    Gianni

  • Giuseppe Carolo

    Reply Reply Febbraio 21, 2019

    Grazie per i consigli che sicuramente metterò in pratica,anche se ero attratto da questa nuova tecnologia.Avendo una caldaia a condesazione e riscaldamento a termosifoni,pensavo mi avrebbe portato dei benefici in termini di risparmio sulla bolletta del gas.Penso invece che farò sicuramente il cappotto di coinbentazione esterno da 10 cm,e avrò sicuramente da subito e negli anni avvenire un risparmio sulla bolletta del gas.Grazie,Giuseppe.

Leave A Response

* Denotes Required Field